Pagina delle FAQ

La taglia del tuo Reggiseno?

Ecco i consigli dei nostri principali fornitori

 

 

 

  

 

Non Sei certa della tua taglia?

I reggiseni che hai indossato fin ora non vestono bene?

Potresti indossare una taglia sbagliata!

 

Fai una verifica misurando il tuo seno. E' molto semplice.

Segui le nostre indicazioni e quelle dei nostri fornitori!

 

**************************************************************** 

 

Prendiamo sempre ad Esempio la taglia Eu (la taglia Europea)

perché rappresenta i centimetri ed è uguale per tutti i marchi.

 

 

****************************************************************

 

ECCO COME EFFETTUARE LA MISURAZIONE

 

 

 

 

  1. Prima di tutto prendi un centimetro da sarta e posizionati di fronte ad uno specchio, se non ti è possibile fatti aiutare da un'altra persona nella corretta misurazione.
    Rimani con indosso il tuo reggiseno, ti aiuterà a tenere il seno sollevato
  2. Prendi il centimetro e misura il "sotto seno", cioè la circonferenza del tuo torace subito sotto al seno. Proprio dove gira l'elastichino del reggiseno sotto le coppe.
    Scriviti questa misura. Questa diventerà la tua Taglia! Esempio 85 centimetri (Vedremo dopo come svilupparla)
  3. Ora misura il "sopra seno", cioè la circonferenza nella parte più ampia, passando per il centro del seno. Per questo motivo è necessario farlo con indosso un reggiseno che non stringa.
    Scrivi questa misura. Diventerà la misura della tua Coppa! Esempio 102 centimetri.

 

Ora ricaviamo la tua Taglia completa

Può variare leggermente da Marchio a Marchio, per questo motivo troverai qui sotto 2 diversi schemi.

 

  • Cerca la misura del tuo "sotto seno" nello schema qui sotto, sulla colonna di sinistra "Giro sotto-seno in cm" e verifica a quale taglia corrisponde nella colonna di destra "TAGLIA" . Vedrai che 85 centimetri corrisponde alla taglia EU85 ( va bene da 83 cm a 88 cm per Triumph, leggermente differente per Anita e Rosa Faia )

 

Ora la Coppa

 

Sottrai alla misura del "sopra seno" quella del "sotto seno" .
Nel nostro esempio sarà 102 – 85 = 17 centimetri

 

ABBIAMO QUASI FATTO!

 

  • Cerca questa misura, esempio 17 centimetri, nella parte destra dello schema e vedrai che corrisponde alla Coppa C.

 

La tua taglia finale sarà quindi:  EU85 COPPA C

 

  • Eu è la taglia Europea, rappresenta i centimetri ed è uguale per tutti i marchi. La corrispondente taglia Italiana può variare da marchio a marchio e la troverai comunque indicata negli schemi di seguito. Per questo motivo ti consigliamo di prendere sempre ad esempio la taglia EU e di fare questa prova di misurazione. Potrebbe esserti utile anche nell'acquistare insieme diversi marchi riducendo la possibilità di errore.

 

 

Se qualcosa non ti è chiaro

oppure hai bisogno di approfondire alcune informazioni

CONTATTACI o chiedi di essere contattata da una nostra Consulente

tramite la pagina Contatti

 

<>

 

Ecco qui di seguito 2 Schemi

per i prodotti Triumph e per i prodotti Anita,

utile anche per Rosa Faia

 

 

 

Calcola la tua taglia di reggiseno con i consigli di 

 

 

 EFFETTUA LA MISURAZIONE CON INDOSSO IL TUO REGGISENO PREFERITO

Se non sai come fare, Torna indietro e Leggi i consigli
"ECCO COME EFFETTUARE LA MISURAZIONE"

 

 

 

 

 

 Calcola la tua taglia ( è un file Pdf da consultare e conservare per trovare la tua giusta taglia)

 

Per una visulizzazione più ampia e completa, scarica il file Pdf sopra indicato,

oppure scrivici per qualsiasi dubbio!

 

 

 

 

EFFETTUA LA MISURAZIONE CON INDOSSO IL TUO REGGISENO PREFERITO

Se non sai come fare, Torna indietro e Leggi i consigli
"ECCO COME EFFETTUARE LA MISURAZIONE"

 

 

 La Taglia ANITA "EU" (o Eur) corrispondente a quella Italiana "IT"

EU65 = IT1

EU70 = IT2

EU75 = IT3

EU80 = IT4

EU85 = IT5

EU90 = IT6

EU95 = IT7

EU100 = IT8

EU105 = IT9

EU110 = IT10

EU115 = IT11

EU120 = IT12

 

La conversione tra taglia Eu e Italiana è diversa tra marchio e marchio.

Ad esempio è diversa tra Anita e Triumph

la IT 3° di Triumph corrisponde ad una EU80, mentre per Anita la IT 3° è una EU75.

Confrontando gli schemi di misurazione verificherai questa differenza.

 

Se acquisterai marchi differenti, prendi in considerazione la taglia Eu.

Rappresenta i centimetri ed è uguale per tutti i marchi.

 

 

Hai già verificato l'etichetta del tuo reggiseno Anita?

Ecco quello che trovi.

 

 

In questo caso la taglia è Eu105 (o Eur) Coppa B (o Cup)

 

 


 

 

 

 

 

I filati. Impara a conscere la meraviglia della natura e della tecnologia.

 

 

 

LogoCotoneL50.jpg

 

PIMA COTTON

Il Cotone PIMA è il più fine del mondo.

Non tutti i tipi di cotone sono uguali, come per il caffè, il kashmir o i vini di pregio esistono anche diverse tipologie di cotone con notevoli differenze di qualità.

Grazie alle condizioni ideali di coltivazione, la fibra particolarmente lunga di 35 mm

(solitamente le fibre di cotone sono lunghe tra i 13mm e i 20 mm) e un sistema di raccolta scrupoloso,

fanno di questo il cotone più fine al mondo.

 

E' apprezzato per la sua straordinaria morbidezza, la delicata lucentezza, la resistenza all'usura e al pilling

(quelle brutte palline che si formano indossando un capo di scarsa qualità)

 

Il cotone PIMA viene coltivato in pochissimi paesi al mondo, come per esempio nel sud degli

Stati Uniti d'America, in Perù e in Australia.

SUPIMA è la denominazione del cotone PIMA che è stato coltivato esclusivamente negli Stati Uniti d'America.

 

ELASTAN

I capi realizzati in tessuto contenenti Elastan si caratterizzano per una perfetta vestibilità e stabilità alla forma. Queste caratteristiche conferiscono al capo di abbigliamento il confort perfetto per tutto il giorno.

 

 LogoMerylL50.jpg

I tessuti contenenti microfibra Meryl costituiscono garanzia per una perfetta vestibilità e un'ottima elasticità al movimento nonché per un altissimo grado di resistenza all'usura. L'eccellente attività di traspirazione del tessuto assicura una confortevolezza indimenticabile.

 

LogoMerylSkinLifeL50.jpg

Il Meryl Skinlife ha un'ottima capacità traspirante e dona una sensazione di freschezza senza pari.

Nel tessuto sono presenti sottilissimi depositi di argento bioattivo che esercitano un'azione batteriostatica, anche in caso di notevole attività fisica, impedendo perciò la formazione  eccessiva di microrganismi indesiderati e nocivi, e pertanto cattivi odori. Attualmente puoi trovare questo tessuto negli articoli Calida uomo 14919, 21919 e 25919.

 

LogoModalL50.jpg LogoMicroModalL50.jpg

Il Modal/Micromodal è un prodotto naturale costituito da materie prime vegetali che unisce proprietà  vantaggiose della seta con quelle del cotone. Il Modal/Micromodal conferisce ai prodotti una superficie liscia e mantiene nel tempo sia la lucentezza che la brillantezza dei colori tenui. Ha un'ottima capacità di assorbimento e rilascio dell'umidità e mantiene pertanto le condizioni climatiche corporee ideali. Quando toccherete per la prima volta un abitino o un pigiama in questa fibra, rimarrete colpiti! Provate i prodotti in 100% Modal/Micromodal o misti con cotone ed elastan, come può capitare di trovarne nella maglieria o nell'intimo. Sarà una piacevole scoperta.

 

LogoMicromodalAirL50.jpg

Il Micromodal Air Jet è il nuovo procedimento di filatura che permette di trasformare le fibre di Micromodal in un filato estremamente liscio e sottile. I tessuti realizzati in questo materiale sono particolarmente resistenti all'usura e al pilling (formazione di pallini del tessuto). La brillantezza dei colori e la delicatezza della superficie rimangono inalterate anche dopo numerosi lavaggi.

 

LogoLanaeSetaL50.jpg

 

Lana&Seta

Massimo comfort e benessere grazie al calore della lana unito alla delicatezza della seta. La lana svolge un'azione batteriostatica e assorbe l'umidità, impedendo così una diminuzione della temperatura corporea e mantenendo sempre una sensazione calda e asciutta sulla pelle.

 

LogoOekoTexL50.jpg

FIDUCIA NEL TESSILE – questo è il motto degli istituti indipendenti di prova, appartenenti all'Associazione Internazionale Oeko-Tex® fin dal 1992, che, con i loro test sulle sostanze nocive eseguiti su tutte le tipologie di prodotti tessili, garantiscono che non esistono rischi per la salute in conformità a quanto previsto dall'Oeko-Tex® Standard 100.

Per aziende del settore tessile e abbigliamento, il catalogo dei criteri Oeko-Tex® offre, per la prima volta, uno standard di valutazione uniforme e scientificamente provato per la sicurezza umano-ecologica dei prodotti tessili, che tiene conto della natura globalizzata ed estremamente frammentaria della catena tessile.

L'etichetta Oeko-Tex® indica, ai consumatori finali interessati, i capi di abbigliamento e gli altri prodotti tessili che hanno come valore aggiunto la garanzia di essere stati analizzati per valutarne l'innocuità per la salute umana L'etichetta Oeko-Tex® offre dunque uno strumento decisionale importante per l'acquisto.

Fiducia nel tessile – un sinonimo internazionale della produzione responsabile di prodotti tessili a partire dalle materie prime fino ai prodotti venduti nei negozi. Per le aziende e i rivenditori, passando attraverso tutta la catena di nobilitazione tessile così come per gli acquirenti di prodotti moda, funzionali e colorati. (http://www.oeko-tex.com)

 

Che cos'è la MERCERIZZAZIONE

La Mercerizzazione. Uno strano termine per dire che...

Nel 1844 John Mercer scopre che l'azione di soluzioni alcaline concentrate a freddo sul cotone mantenuto in tensione, può donare a questa fibra naturale un aspetto brillante, diventando molto resistente alla trazione (+30%), nonché maggiormente resistente e affine verso le sostanze coloranti,

cosa di meglio per il modo dell'abbigliamento?

Brevettata nel 1851, solo all'inizio del 1900 questa scoperta viene utilizzata su scala industriale e diventa famosa con il nome di Mercerizzazione.

Il famoso FiloScozia è ad esempio un filato di altissima qualità che viene prodotto anche attraverso la mercerizzazione.    

 

 

Consigli di manutenzione forniti da Triumph (www.triumph.com)

 

Ammorbidente

L'ammorbidente conferisce ai tessuti una mano morbida, ma, se utilizzato in modo sbagliato, può addirittura causare effetti negativi. Ad esempio, le fibre di elastam contenute nei tessuti di corsetteria perdono parte delle loro caratteristiche elastiche a causa dell'ammorbidente, riducendo, in tal modo, l'efficacia modellante e contenitiva del tessuto. Nei tessuti sintetici non elasticizzati, invece, l'ammorbidente è molto utile in quanto evita cariche elettrostatiche.

 

Asciugabiancheria

In generale, gli articoli Triumph possono essere asciugati nell'asciugabiancheria automatico. Tuttavia, tale operazione comporta una sollecitazione ulteriore dei materiali e dei colori, accelerandone il processo di usura rispetto alla tradizionale asciugatura sullo stendibiancheria, che, inoltre, fà risparmiare energia e preserva l'ambiente.

 

Detersivo

E' indispensabile un dosaggio corretto, che, oltretutto, ti farà risparmiare! Una dose di detersivo scarsa o eccessiva può ridurre o intensificare eccessivamente l'efficacia del detersivo stesso, causando danni ai tessuti. La quantità di detersivo da utilizzare dipende dal grado di sporco della biancheria e dal grado di durezza dell'acqua. Le indicazioni per un dosaggio corretto sono riportate sulla confezione del detersivo.

 

Lavaggio a mano

Il simbolo del lavaggio a mano significa che l' articolo è composto da fibre o materiali oppure che il tessuto ha subìto finissaggi che non resistono al lavaggio in lavatrice. E' il caso, ad esempio, di tessuti in fibre speciali oppure con lavorazioni particolari come il ferretto. Durante il lavaggio in lavatrice questi accessori, spesso in metallo, vengono eccessivamente sollecitati e possono, quindi, deformarsi oppure fuoriuscire dal reggiseno, causando eventualmente danni anche alla lavatrice.

 

Lavaggio in lavatrice

Occorre prestare la massima attenzione alla temperatura di lavaggio consigliata nell' etichetta interna sul simbolo di lavaggio, che non deve mai essere superata. Grazie alla nuova generazione di detersivi maggiormente efficaci spesso può essere evitato il lavaggio ad alte temperature.

 

Si consiglia, laddove il materiale lo consenta:

Lavaggio a 60° C prevalentemente per i capi bianchi e per i tessuti colorati molto sporchi.

Lavaggio a 40° C per tutti i tessuti colorati in presenza di sporco normale. Il lavaggio a tale temperatura garantisce un buon mantenimento del materiali, dei colori e rispetta maggiormente l' ambiente.

 

Manutenzione e lavaggio per i capi intimi

E' fondamentale rispettare le istruzioni di lavaggio indicate sull'etichetta interna dei capi. Si consiglia il lavaggio dei capi in tessuti bianchi con detersivo universale, rispettando la dose indicata sulla confezione del detersivo. Si consiglia il lavaggio dei capi in tessuti colorati con detersivo delicato o specifico per colorati, rispettando la dose indicata sulla confezione del detersivo. A partire da un grado di durezza 2 dell' acqua, ad ogni lavaggio, è consigliabile aggiungere un dolcificatore, che impedisce depositi di calcare ed evita che i capi intimi assumano una colorazione grigiastra. E' indispensabile trattare con delicatezza i capi in pizzo, evitando eccessive tensioni mentre si indossano e si tolgono. E' consigliabile evitare l' ammorbidente, che potrebbe far perdere parte delle caratteristiche elastiche delle fibre di elastam. Allo scopo di evitare cambiamenti di colore durante il lavaggio, si raccomanda di: Non lavare mai in contemporanea tessuti bianchi con tessuti colorati, nemmeno quelli in colori pastello. Dopo il lavaggio di tessuti colorati nuovi o caratterizzati da varianti colore forti, effettuare un breve ciclo di risciacquo, per eliminare tutti i residui di materiale colorato dal cestello della lavatrice. Pulire regolarmente il filtro della lavatrice, nel quale possono fermarsi residui di colorante. In tal modo, si evita che tali residui ritornino nel cestello al lavaggio successivo. I tessuti scuri, soprattutto se nuovi, dovrebbero subire un lavaggio a mano, prima di essere lavati in lavatrice, per eliminare l' eccesso di colorante che spesso li caratterizza. I reggiseni con ferretto possono essere lavati unicamente a mano, allo scopo di evitare deformazioni, rotture e perforazioni del tessuto da parte del ferretto, spesso in metallo, con danni anche per la lavatrice. Per il lavaggio a mano, prima di immergere i capi intimi nell' acqua, sciogliere il detersivo; il lavaggio non deve durare più di 5 minuti. I capi intimi in tessuti contenenti elastam sono molto sensibili al sebo della pelle e alla sudorazione; pertanto, dovrebbero essere lavati dopo ogni utilizzo.

 

 

 curacapiB.jpg

 

 

 

 

X